La lingua del Dalai Lama

Condividi

La cultura Tibetana, la manipolazione mediatica, il condizionamento sessuofobico e le malelingue.

Ho atteso dì condividere sulla vicenda del Dalai Lama e del bambino, perché prima volevo avere informazioni dettagliate sull’accaduto, bene conoscendo la potenza manipolatoria del giornalismo a caccia di scoop, pur essendo rimasto sconcertato dal frammento dell’immagine del bambino di fronte al Dalai Lama con la lingua dì fuori e l ‘invito, sia pure scherzoso a succhiarla. E ho fatto bene, non perché, avendo avuto la fortuna di averlo incontrato, e averlo sentito più volte, non mi corrispondeva davvero, l’immagine del Dalai Lama satiro libidinoso, ma perché istintivamente, conoscendo come gioca l’ informazione, non ho voluto dare credito a ciò che appariva. ( Nulla è come appare, lo sappiamo…). Da subito mi sono detto, cerchiamo di capire, approfondire, conoscere quello che è accaduto.
Grazie alla newsletter di Piero Verni e Mottolin e all’intervento di Italia Tibet di Claudio Cardelli e altri amici oggi sono in grado di spogliare il Re e mettere a nudo il meccanismo manipolatorio dì questo caso.
Il primo dato da evidenziare, vedendo tutto il video dell’incontro e non solo il frammento, è come l’energia e la attitudine del Dalai Lama, durante tutto l’incontro col bambino, fosse evidentemente innocente, giocosa e tenera senza nessuna ombra libidica. Nel momento di quella frase e quella immagine su cui si è basata la manipolazione, va notato che il bambino non ha mostrato il ben che minimo disagio, non tanto nel non ottemperare all’invito, ma manifestato nel successivo affettuoso saluto fronte a fronte con il Lama sorridente.
Infatti, cosa che comprova questo fatto, il giorno dopo l ‘incontro sia la madre che il bambino hanno inviato un messaggio al loro leader spirituale, di ringraziamento per l’avvenuto incontro tanto desiderato da entrambi.
Quella che nella newsletter e nella dichiarazione di Italia Tibet viene poi descritto è come sia patrimonio della cultura tibetana il mostrare la lingua in segno di affetto (al contrario del significato della nostra cultura) e come il bacio sulla bocca familiare e l’invito amorevole a “mangiarsi la lingua” padre e figlio, faccia parte di questa cultura, senza nessuna connotazione sessuale.
Un altro tassello della manipolazione, è stato il presentare nella comunicazione mediatica, la frase dello succhiare, accompagnata dalle scuse successive del Dalai Lama. Come se la guida spirituale del buddismo tibetano si fosse reso conto di aver fatto qualcosa di sconveniente e avesse voluto rimediare , scusandosi con il bambino.
Non è andata così. Le scuse sono state espresse nei confronti di chi, in Occidente, si fosse potuto sentire ferito da questo gesto incompreso, non quindi per un presunto pentimento e men che meno le scuse erano rivolte al bambino.
Una riflessione che ho sentito di voler condividere anche nei confronti di tanti amici altrimenti attenti a non farsi manipolare dal main stream su guerra, covid, politica etc. Qui credo abbia giocato l ‘entroterra culturale che abbiamo maturato in questi decenni, a fronte della perversione pedofila ampiamente diffusa, a causa dell’ obbligo al celibato, tra i preti cattolici e coperta dalle gerarchie vaticane. Ma anche per.nsando agli episodi di pedofilia “dolce” ma con effetti comunque traumatici per gli adolescenti, accaduti negli anni ’80 a Puna e a Kosuhan in Inghilterra, da parte di alcuni sannyasin.
Ho letto troppi commenti a caldo dì amici, che vedevano comunque, un elemento di abuso nei confronti del bambino, inconsciamente condizionati da queste vicende. E credo anche per la connotazione sessuale che noi diamo alla lingua, nella nostra cultura che poi non è certo immune da un forte condizionamento sessuofobo.
Poi il mio pensiero va anche agli amici buddisti italiani che hanno sofferto il dileggio mediatico della loro massima guida spirituale e come ricorda l’amico Verni, il silenzio mediatico che in questi anni ha accompagnato le decine di monaci tibetani che sì sono dati alle fiamme per denunciare l’oppressione del loro popolo da parte Cinese e ora questo linciaggio sul nulla.
Vorrei molto infine, che questa mia riflessione, non venisse interpretata come un giudizio di chi ha voluto vedere il torbido nel gesto e nelle parole del Dalai Lama, vorrei fosse accolto come un invito a non reagire a caldo su fatti che non comprendiamo, commessi da Maestri spirituali, ma dì darsi più tempo e spazio e poi magari, accettare di non essere in grado di capire. Non è certo questo del Dalai Lama il caso per me, ma per esempio, a me è accaduto invece nei confronti del mio amato Maestro. 🌹

5 risposte

  1. Grazie Majid per questa bella riflessione, calma e a giusta distanza.
    Ho avuto le tue stesse sensazioni quando ho cercato e guardato un video di lunghezza maggiore e campo allargato della vicenda, quando ci proponevano poco più di un fotogramma in campo ristretto.
    Ne ho fatto un post condiviso su FB e me ne sono venuti, ringraziamenti ma anche violenti attacchi, proprio da persone che, probabilmente abusate nella vita, non riuscivano a guardare con gli occhi se non co n il filtro delle loro emozioni più in ebollizione.

    Ancora, grazie mille

    Luca Mezzadri

  2. Grazie Majid, ti voglio ringraziare innanzi tutto per le innumerevoli magistrali presentazioni alle opere dell’amatissimo Osho, e ,ora, per avermi dato la certezza che quanto da me pensato e detto a proposito del Dalai Lama era quello che esattamente tu hai dimostrato in maniera inequivocabile.

  3. grazie per le precise informazioni. Mi viene in mente la frase: chi è saggio agli occhi di Dio è matto agli occhi degli uomini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Archivio storico

ECONOMIA MISTERI

Ancora una volta, come il bambino della favola di Andersen sull’Economia  diciamo nel silenzio della folla imbambolata: ma il re è nudo! Dove il re sono

Archivio storico

RELIGIONE SCIAMANESIMO

Operazione Socrate Ha senso, vent’anni dopo, rilanciare un libro, portare in dvd un video anch’esso di oltre vent’anni? Che per me la risposta sia si