Il nuovo Ministro della Difesa uguale ai suoi predecessori.

Condividi

Continua la politica che prevede una continua crescita delle spese militari.

Il giorno della festa delle Forze armate, in una intervista al TG 1 messaggio chiaro del nuovo Ministro della Difesa: proseguiamo la politica dì aumento delle spese militari col sostegno del Parlamento. Grottesco il teatrino tra i due. Il giornalista zerbino chiede: ci sarà bisogno di aumentare le spese e un aumento degli effettivi visto che 8.500 uomini sono impegnati nelle missioni internazionali? Risposta surreale del Ministro: ” gli uomini in missione sono 11.000 e certamente ci sarà bisogno di rafforzare la Difesa e gli effettivi, visto che adesso la guerra è arrivata nel nostro continente”.
Calcolando il turnover dei militari sul campo, significa che vengono utilizzati al massimo, 30.000 uomini nelle missioni internazionali.
Come avrei voluto ricordare , ( come avrebbe dovuto fare un giornalista non zerbino) al neo Ministro che attualmente gli effettivi ai suoi ordini sono 170.000…
Comunque se è vero che c’è una continuità con i passati governi ultramilitaristi, è anche vero che i precedenti Ministri della Difesa incrementavano le spese militari, mantenendo un basso profilo, quasi si vergognassero un po’, vista la crisi economica galoppante, mentre Crosetto rivendica con orgoglio questa folle progressione dì spesa, come è giusto che sia per un governo come questo. L’anomalia ultra militarista, apparteneva più ai governi di centrosinistra, per chi ancora crede alle differenze tra destra e sinistra. Entrambi i poli sono invece d’accordo nella corsa al riarmo per obbedire alla Nato. C ‘e solo una differenza di stile.
Così è, se vi pare.

Una risposta

  1. POLLI DI ALLEVAMENTO
    Rousseau: “Vi piacciono i gatti?”.
    Boswell: “No”.
    Rousseau: “Ne ero sicuro. È un segno del carattere. In questo avete l’istinto umano del dispotismo. Agli uomini non piacciono i gatti perché il gatto è libero e non si adatterà mai a essere schiavo. Non fa nulla su vostro ordine, come fanno altri animali”.
    Boswell: “Nemmeno una gallina, obbedisce agli ordini”.
    Rousseau: “Vi obbedirebbe, se sapeste farvi capire da essa. Un gatto vi capisce benissimo, ma non vi obbedisce” (J.J. Rosseau).
    ***
    La maggior parte dell’umanità è predisposta alla sottomissione. Gente inconsapevole, gestita completamente. Chi ha capito, ha capito; non ha bisogno di consigli. Chi non ha capito, non capirà mai. Io non biasimo queste persone, perché loro sono strutturate per vivere e basta.
    Cosa vuol dire vivere e basta? Mangiare, bere, respirare, partorire, lavorare, guardare la televisione, mangiare la pizza il sabato sera, andare a vedere la partita. Il loro mondo finisce lì. Non sono in grado di percepire altro.
    C’è invece un piccolissimo gruppo di esseri umani che sono “difetti di fabbricazione”: sono sfuggiti al controllo qualità della linea di produzione. Sono pochi, sono eretici, sono guerrieri. (Giovanni Cianti)
    §§§
    Siate gatti, non polli di allevamento! ( Tratto da: L’ integgenza del Cuore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Archivio storico

ECONOMIA MISTERI

Ancora una volta, come il bambino della favola di Andersen sull’Economia  diciamo nel silenzio della folla imbambolata: ma il re è nudo! Dove il re sono

Archivio storico

RELIGIONE SCIAMANESIMO

Operazione Socrate Ha senso, vent’anni dopo, rilanciare un libro, portare in dvd un video anch’esso di oltre vent’anni? Che per me la risposta sia si