Il Ministero degli Interni tenta di impedire il Resistendum

Condividi

Polizia e carabinieri sequestrano le urne in tutta Italia.

Il Ministero degli Interni tenta di intimidire i promotori e gli attivisti del Resistendum, facendoli minacciare dalla polizia: “questo referendum non s’ha da fare” è il messaggio di diverse questure, e la nostra risposta è semplice: non ci fate paura. Il 24 e 25 settembre saremo su tutto il territorio nazionale per il resistendum, un referendum popolare autogestito. Chiederemo al paese di esprimersi sull’uscita dell’Italia dalla NATO e dall’organizzazione Mondiale della Sanità, e sulla sovranità monetaria. Di fronte alle minacce di polizia rispondiamo che la legge è con noi, e confidiamo che lo siano anche molti fratelli delle forze dell’ordine, che hanno giurato sulla Costituzione. Noi, il popolo, andremo avanti: porteremo queste domande come primo atto di una rivolta non violenta di massa di fronte a un regime fuorilegge, guerrafondaio, nemico dell’Italia e dell’umanità.

Per il CLN Prof AVV Ugo Mattei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Archivio storico

ECONOMIA MISTERI

Ancora una volta, come il bambino della favola di Andersen sull’Economia  diciamo nel silenzio della folla imbambolata: ma il re è nudo! Dove il re sono

Archivio storico

RELIGIONE SCIAMANESIMO

Operazione Socrate Ha senso, vent’anni dopo, rilanciare un libro, portare in dvd un video anch’esso di oltre vent’anni? Che per me la risposta sia si